Also Available in:

Il multiverso non è di aiuto per gli evoluzionisti

da
tradotto da Matteo d’Ambrosio per Associazione Italiana Studi sulle Origini

multiverse
Credit: 123rf.com / Vadim Sadovski

Gli scienziati creazionisti hanno da tempo sottolineato le enormi difficoltà con l’evoluzione dalla melma all’uomo e persino gli evoluzionisti hanno riconosciuto questi problemi.1 Inoltre, le costanti fondamentali dell’universo sono finemente sintonizzate per consentire la vita. Eppure molti evoluzionisti affermano, nonostante queste difficoltà, che un multiverso può spiegare la nostra esistenza senza la necessità di un Creatore.2

Questi evoluzionisti affermano che il nostro universo non è l’unico universo. Sostengono che è solo uno degli infiniti universi, ognuno con possibilmente costanti fisiche diverse (e forse anche diverse leggi della fisica). Questo multiverso, dicono, elimina la necessità di un Creatore soprannaturale: se esiste davvero un numero infinito di universi, è inevitabile (così sostiene l’argomentazione) che alcuni di questi universi abbiano proprietà che permettano la vita. Presumibilmente, siamo stati “fortunati” e ci capita di vivere in uno di questi universi che permettono la vita.3

Quindi, un multiverso può davvero spiegare la nostra esistenza senza Dio?

L’origine del concetto

L’idea di un multiverso è una conseguenza della teoria dell’inflazione.4 All’interno del modello del big bang, l’inflazione è un drammatico aumento del tasso di espansione dell’universo primordiale, più veloce persino della luce. L’inflazione è stata proposta per risolvere una manciata di gravi problemi nel modello originale del Big Bang.5

I teorici inizialmente pensarono che l’inflazione si fermasse dappertutto allo stesso tempo, poco dopo il big bang stesso. Tuttavia, hanno successivamente concluso che diverse regioni dello spazio avrebbero smesso l’inflazione in momenti diversi. Ciò comporterebbe “isole” di spazio non più nella fase di inflazione (ancora in espansione ma a un ritmo più lento) circondato da enormi quantità di spazio ancora in fase di inflazione, che “isolerebbe” per sempre queste “isole” l’una dall’altra. Queste “isole” si riempirebbero di radiazioni e materia e diventerebbero, in effetti, degli universi per se!

I teorici si sono anche convinti che, una volta avviata l’inflazione, non si sarebbe mai fermata. Ciò significa che l’inflazione alla fine produrrebbe un numero infinito di universi. In questa prospettiva, il presunto big bang 13,8 miliardi di anni fa è solo l’inizio del nostro universo, non l’inizio del multiverso stesso. Si presume che l’inflazione stia ancora avvenendo in altre regioni dello spazio, con altri universi tuttora in fase di creazione.6

Ma un multiverso non spiega davvero la nostra esistenza.

Alcuni problemi

Innanzitutto, non esistono assolutamente alcune prove che esistano altri universi, anche se l’idea è spesso resa popolare negli spettacoli televisivi e nei film di fantascienza.

In secondo luogo, l’idea del multiverso non è scientifica: poiché questi “universi-isola” (anche se esistessero) sarebbero stati per sempre isolati l’uno dall’altro, è difficile vedere come la loro esistenza possa mai essere confermata o negata. Dal momento che l’idea di un multiverso non può essere falsificata (dimostrata falsa), e si può sostenere che non è un’ipotesi veramente scientifica.7

In terzo luogo, non vi sono prove dirette per l’inflazione stessa: i recenti reclami per prove di “pistola fumante” per l’inflazione sono stati rapidamente ritirati.8 Piuttosto, le principali “prove” dell’inflazione si basano sul ragionamento circolare, il fatto che il big bang non funzioni senza l’inflazione è conteggiato come prova dell’inflazione!9 Inoltre, la moderna teoria dell’inflazione è diventata sempre più bizzarra, il che ha portato alcuni teorici a criticarla e ad abbandonarla. Uno di questi critici è il cosmologo del Massachusetts Institute of Technology Max Tegmark, che afferma: “L’inflazione si è distrutta. Logicamente si autodistrugge”.10 Persino Paul Steinhardt, uno dei principali teorici dell’inflazione, è diventato un critico della teoria.11

Nessun coniglio in questo cappello

Ancora più importante, anche se il multiverso della teoria dell’inflazione può sembrare di rendere più credibile la storia della “melma all’uomo”, questa è semplicemente un’illusione. Come abbiamo visto, gli evoluzionisti affermano che è inevitabile che alcuni universi nel multiverso dispongano di leggi di fisica e chimica che permettano alla vita di esistere, e ci capita di vivere in uno di quelli. Ma affinché la loro argomentazione si avvicini in qualche modo alla spiegazione della nostra esistenza senza un Creatore, non è sufficiente che queste leggi consentano l’esistenza della vita. Chiaramente lo permettono, altrimenti non saremmo qui; ma questo è vero anche in uno scenario biblico di creazione. Affinché questo argomento favorisca l’evoluzione, queste leggi fisiche devono anche consentire la formazione della vita dalla non vita, nota anche come evoluzione chimica o abiogenesi. Ma le leggi della fisica e della chimica nel nostro universo lo consentono?

Apparentemente no. Gli evoluzionisti non possono ancora spiegare l’origine della vita, nonostante investano enormi quantità di tempo e di denaro sul problema. Se viviamo davvero in un universo le cui leggi di fisica e chimica consentono l’evoluzione chimica, perché non è mai stata osservata?12 E perché i ricercatori evoluzionisti non sono ancora in grado di spiegare in modo convincente come la vita possa essere apparsa “naturalmente”?

Potrebbe essere che forse le leggi della fisica e della chimica nel nostro universo semplicemente non consentano l’abiogenesi? Tutto ciò che sappiamo di fisica e chimica in questo universo indica che la vita non può venire dalla non vita. Il famoso evoluzionista Paul Davies ha spesso sottolineato che la vita è interamente incentrata su informazioni (software), macchine programmate. E, dice, “Non esiste alcuna legge della fisica nota in grado di creare informazioni dal nulla”.13

Pertanto, anche se esistessero altri universi e anche se le leggi della fisica e della chimica in ognuno di questi altri presunti universi consentissero l’abiogenesi, ciò non farebbe nulla per spiegare l’esistenza della vita in questo universo. Gli evoluzionisti credono davvero che le enormi difficoltà nelle storie dell’evoluzione dalla melma all’uomo svaniranno semplicemente perché affermano che esistono altri universi?

Quindi l’idea del multiverso, sebbene possa superficialmente rendere l’evoluzione più plausibile, in realtà il scettico non ottiene alcun vantaggio nel tentativo di spiegare la loro esistenza a parte il loro Creatore.

Riferimenti e note

  1. Vedere la recensione del libro di Williams, A., Great minds on the origin of life, J. Creation 21(1): 38–42, 2007; creation.com/singularities . Vedere anche creation.com/origin-of-life. Torna al testo.
  2. Infatti, dato la sintonizzazione fine, il multiverso sembra essere l’unico alternativo ad un Creatore; vedere Lewis, G.F. e Barnes, L.A., A Fortunate Universe: Life in a finely tuned cosmos, Cambridge University Press, 2016. Torna al testo.
  3. Folger, T. Science’s alternative to an intelligent Creator: the Multiverse Theory, Discover, 10 Novembre 2008; discovermagazine.com. Torna al testo.
  4. Alcuni fisici hanno recentemente affermato che un sostegno per un multiverso proviene anche dal programma speculativa di ricerca chiamata teoria delle stringhe. Tuttavia, una principale argomentazione contro la teoria delle stringhe è che al momento non è testabile. Torna al testo.
  5. Chiaramente la Big Bang tuttora ha molti problemi scientifici ed è stata criticata anche da scienziati non religiosi; Secular scientists blast the big bang. (creation.com/secular-scientists-blast-the-big-bang). Torna al testo.
  6. Steinhardt, P. J. The inflation debate, Sci. Am. 304(4):36–43, Aprile 2011. Torna al testo.
  7. Scoles, S., Can physicists ever prove the multiverse is real? Smithsonian Magazine, 19 Aprile 2016; smithsonianmag.com Torna al testo.
  8. Steinhardt, P., Big Bang blunder bursts the multiverse bubble, Nature 510(7503):9, Giugno 2014. Torna al testo.
  9. Esistono molti ragionamenti circolari nell’interpretazione dei dati cosmologici; vedere Hartnett, J., Cosmic Inflation: Did it really happen? (creation.com/inflation) 11 Settembre 2015, anche Faulkner, D., Have cosmologists discovered evidence of inflation? (creation.com/cosmo-inflation-evidence) 29 Marzo 2006). Torna al testo.
  10. Gefter, A., What kind of bang was the big bang? newscientist.com, 2 Luglio 2012. Torna al testo.
  11. Williams, A., Big bang blunder bursts the multiverse bubble: Premature hype over gravitational waves highlights gaping holes in models for the origins and evolution of the universe, (creation.com/multiverse-bubble-bursts) 12 Giugno 2014. Torna al testo.
  12. Secondo la Bibbia, alcune persone sono testimoni della soprannaturale trasformazione della non-vita in vita (Esodo 7:8–138:16–19) per non dimenticare il risuscitare dei morti (Luca 24!) Però I scettici rispingono questa testimonianza oculare, perché riconoscere tali eventi necessiterebbe che accettassero anche il soprannaturale in generale, e l’esistenza di Dio in particolare. Torna al testo.
  13. Davies, P., Life force, New Scientist 163(2204):27–30, 18 Settembre 1999. Torna al testo.