Explore
Online premiere of Dismantled: A Scientific Deconstruction of the Theory of Evolution
Watch for free here between 12 AM October 9th - 11:59 PM October 11th EDT!
Also Available in:

Le ossa dell’orecchio dei mammiferi si sono davvero evolute dalle mascelle dei rettili?

Il timpano è un ostacolo per l’evoluzione delle ossa dell’orecchio medio nei mammiferi

da
tradotto da Matteo d’Ambrosio per Associazione Italiana Studi sulle Origini

Introduzione

14403-earbones
Figura 1: Posizione e nomi di diverse ossa nella mascella dei rettili e nell’orecchio medio dei mammiferi. Credito: Università della California, Berkeley

Alcuni evoluzionisti affermano che i mammiferi si sono evoluti dai rettili attraverso un gruppo di animali noti come “rettili simili a mammiferi”. Questo è un grande passo nel modello evolutivo. Essi credono che alcune ossa della mascella e del cranio nei rettili si evolvano nelle ossa dell’orecchio medio dei mammiferi. Due ossa, l’osso articolare sulla punta molto posteriore dell’osso mascellare e l’osso quadrato alla base del cranio formano l’articolazione della mascella in rettili, uccelli, anfibi e rettili simili a mammiferi (vedi figura 1). Nell’embriologia dei mammiferi, queste due ossa migrano nell’orecchio medio e diventano l’incudine e il martello. Queste due ossa, insieme alla staffa formano le tre ossa dell’orecchio medio. Tuttavia, nei rettili, esiste un solo osso nell’orecchio medio, vale a dire la columella, che corrisponde alla staffa nell’orecchio dei mammiferi.1

Gli evoluzionisti elencano diverse specie “simili a mammiferi” in cui, presumibilmente, queste ossa si trovino tra quelle di rettili e mammiferi. Tuttavia, questa immagine è vera? Esistono prove che l’orecchio medio nelle ossa del cranio e della mascella del rettile si sia evoluto nell’orecchio dei mammiferi?

Le prove reali

Contrariamente alle aspettative evolutive, ora sappiamo che queste ossa si sviluppano effettivamente da diverse parti dell’embrione e condividono una diversa regolazione genetica sia nei rettili che negli uccelli.

Nello sviluppo di rettili e mammiferi, le ossa dell’orecchio interno provengono da blocchi di tessuto dalla zona del collo dell’embrione chiamati archi ramificati (vedi figura 2).2 Esistono due teorie in competizione su quali blocchi di tessuto danno origine al martello e incudine nei mammiferi e l’articolare e il quadrato nei rettili.

Secondo la teoria classica, sia il martello che l’incudine nei mammiferi e l’articolare e il quadrato nei rettili provengono interamente dal primo arco ramificato (figura 3, a sinistra). Al contrario, la cosiddetta teoria del doppio arco afferma che le staffe sia nei mammiferi che nei rettili (a volte chiamate columella nei rettili) derivano dal tessuto all’interno del secondo arco ramificato. Nei rettili, l’osso articolare e l’osso quadrate derivano solo da una parte specifica del primo arco ramificato. Tuttavia, nei mammiferi, parte del martello e parte dell’incudine provengono sia dal primo che dal secondo arco (vedere la tabella 1 e la figura 3, a destra).3 In altre parole, queste strutture si sviluppano da diverse parti dell’anatomia sia nei rettili che nei mammiferi. La teoria del doppio arco è presentata in molti libri di testo medici e viene utilizzata nelle diagnosi cliniche.4

Sulla base delle ultime prove, non è possibile determinare in modo inequivocabile quale teoria sia corretta. Ad ogni modo, gli evoluzionisti hanno ancora un problema. Come hanno potuto queste ossa evolversi dall’una all’altra? Innanzitutto, come è possibile che parti della mascella e del cranio attraversino il timpano? Secondo, perché non ci sono specie tra rettili e mammiferi che hanno solo due ossa dell’orecchio e non tre? Terzo, perché le ossa coinvolte nella masticazione dei rettili in seguito dovrebbero essere coinvolte nella trasmissione del suono al cervello nei mammiferi?

medical-dictionary.thefreedictionary.comBranchial-arches
Figure 2: Posizione dei quattro archi ramificati in un embrione umano.

Anche se vi è ambiguità su da quali tessuti provengano le ossa dell’orecchio medio, il timpano stesso ha origini separate in rettili, uccelli e mammiferi. Se tutti e tre i gruppi animali si fossero effettivamente evoluti da un antenato comune, allora il timpano e il condotto uditivo esterno si sarebbero formati allo stesso modo in tutti e tre i gruppi. Il timpano è supportato dal quadrato nei rettili, mentre è supportato da un elemento mascellare inferiore chiamato anello timpanico nei mammiferi.5

Alcuni evoluzionisti ammettono persino che nei primi amnioti6 il ruolo della staffe è di stabilizzare il cranio durante il morso.5 Altri evoluzionisti affermano anche che le tre ossa dell’orecchio medio si sono evolute separatamente in tre diversi gruppi di 7 mammiferi e che non corrispondono nemmeno l’una all’altra.8

La formazione dell’articolazione della mascella è regolata in modo diverso tra rettili e mammiferi a livello genico. Nei pesci9 e negli anfibi,10 un gene chiamato Bapx1 è responsabile della formazione dell’articolazione della mascella. Nel topo, questo gene influisce anche sulla formazione di tessuto negli arti anteriori, posteriori, milza, intestino e colonna vertebrale.11 È improbabile che la presunta espressione di questo gene in almeno uno di questi cinque nuovi tessuti non causi un’anomalia o uno squilibrio di qualche tipo.10

Conclusione

Branchial-arches
Figura 3: L’interpretazione classica vs. la doppia arcata delle ossa dell’orecchio dei mammiferi.

Secondo Genesi 1:25, “… Dio fece gli animali selvatici della terra secondo le loro specie, il bestiame secondo le sue specie e tutti i rettili della terra secondo le loro specie. Dio vide che questo era buono.”. Ciò significa che rettili e mammiferi sono fondamentalmente diversi nella loro anatomia, perché sono diversi tipi di animali. Ciò include le differenze nella struttura della mascella, del cranio e dell’orecchio medio.

La narrativa evolutiva della trasformazione delle ossa dalla mascella e il cranio in ossa dell’orecchio nei mammiferi è problematica. Per far funzionare la loro storia, gli evoluzionisti si limitano a spostare la posizione e ridimensionare le ossa specifiche che pensano siano cambiate tra rettili e mammiferi. Non spiegano mai l’origine reale di ossa come l’articolare, il quadrato e la staffa. Né possono spiegare le diverse funzioni del gene Bapx1 nei rettili e nei mammiferi. L’idea che le ossa che formano la mascella del rettile siano correlate alle ossa dell’orecchio medio dei mammiferi fu proposta per la prima volta nel lontano 1837 dall’anatomista tedesco Karl Reichert, molto prima che il campo della genetica venisse alla luce.12 Questa teoria, tuttavia, non è coerente con ciò che ora sappiamo dalla genetica e dalla biologia dello sviluppo.

La prova dell’evoluzione dell’orecchio medio dei mammiferi è quindi superficiale. Non c’è motivo di diffidare della Bibbia.

Tabella 1: Origine delle ossa dell’orecchio medio nei rettili e nei mammiferi secondo la teoria del doppio arco.

Ossa (mammifero/rettile) rettili  mammiferi
Malleus/Articolare 1° arco branchiale 1° e 2° arco branchiale
Incudine/Quadrato 1° arco branchiale 1° e 2° arco branchiale
Staffa/Columella 2° arco branchiale 2° arco branchiale

Riferimenti e note

  1. Sodera, V. One small speck to man, the evolution myth 2. Bekaam Printers Pte Ltd, Malesia, 2009. Torna al testo.
  2. Di solito ci sono cinque archi ramificati in diverse classi di vertebrati e hanno una struttura ad arco. Tra le altre cose, formano strutture nella mascella, nell’orecchio medio e nella faringe. Torna al testo.
  3. Orozco, J.W., et al., Ontogenic peculiarities of the human tympanic ossicular chain. Acta Otorrinolaringol Esp. Torna al testo.
  4. Burford, C.M., and Mason M.J., Early development of the malleus and incus in humans, J. Anat. 229(6):857–870, 2016. | doi: 10.1111/joa.12520. Torna al testo.
  5. Tucker, A.S., Major evolutionary transitions and innovations: the tympanic middle ear, Philos Trans R Soc Lond B Biol Sci. 372(1713): 20150483, 2017. Torna al testo.
  6. Gli amnioti sono un Gruppo di animali che includono rettili, uccelli e mammiferi. Torna al testo.
  7. Questi tre gruppi di animali includono i monotremi (mammiferi che depongono uova), i marsupiali (mammiferi i cui piccolo sviluppano al di fuori del corpo della mamma, tipicamente in un marsupio) e i placentali (mammiferi i cui piccoli sono connessi alle loro mamme da una placenta). Torna al testo.
  8. Rich, T.H., Hopson, J.A., Musser, A.M., Flannery, T.F., Vickers-Rich, P., Independent origins of middle ear bones in monotremes and therians. Science. 307(5711):910–914, 2005. Torna al testo.
  9. Tucker, A.S., Watson, R.P., Lettice, L.A., Yamada, G., Hill, R.E., Bapx1 regulates patterning in the middle ear: altered regulatory role in the transition from the proximal jaw during vertebrate evolution. Development. 131(6):1235-45, 2004. Torna al testo.
  10. Lukas, P. and Olsson, L., Bapx1 is required for jaw joint development in amphibians, Evol Dev. 20(6):192–206, 2018. | doi: 10.1111/ede.12267. Torna al testo.
  11. Chatterjee, S. et al., Gene expression profiles of Bapx1 expressing FACS sorted cells from wildtype and Bapx1-EGFP null mouse embryos, Genom Data. 5:103–105, 2015. Torna al testo.
  12. Anthwal, N., Joshi, L. and Tucker, A.S., Evolution of the mammalian middle ear and jaw: adaptations and novel structures, J Anat. 222(1):147–60, 2013. | doi:10.1111/j.1469-7580.2012.01526.x. Torna al testo.

Helpful Resources

Universe by Design
by Danny Faulkner
US $15.00
Soft Cover