Also Available in:

Il Granchio Samurai

1

Un'informazione – mito sulla selezione naturale

da
tradotto da Daniel Fantasia per Associazione Italiana Studi sulle Origini

© GILLES MERMET/SCIENCE PHOTO LIBRARYSamurai-crab

Un certo numero di esempi iconici sono stati usati nel corso degli anni per convincere le persone della presunta validità dell'evoluzione.2 Malgrado fossero stati smentiti (alcuni anche da scienziati che credono nell'evoluzione), alcuni cavalli di prestigio nella 'stalla di idee' evolutiva persistono nei libri di testo e in altre presentazioni evolutive.

La pretesa Evoluzionista:

“I superstiziosi giapponesi non mangiano il granchio di Heike perché sul suo guscio sembra essere impressa l'immagine di un guerriero medievale”

Un esempio meno conosciuto ma abbastanza sofisticato è persistito in una tradizione evolutiva comune dal 1952, quando Julian Huxley (nipote del "bulldog" di Charles Darwin, T.H. Huxley) pubblicò un articolo intitolato "Copioni di Evoluzione".

Il suo obiettivo era usare un esempio di selezione naturale facilmente comprensibile in azione per spiegare la sua indiscussa abilità nel far sì che le creature si adattassero. Quindi estrapolò quell'idea per cercare di persuadere il suo pubblico che l'incredibile progetto di tutta la vita potesse essere spiegato in modo naturalistico.

L'esempio proveniva da un'umile specie di granchio, Dorippe (ora Heikea) japonica. Carl Sagan ha usato questo stesso esempio nel suo libro del 1980 (e show televisivo) Cosmos, che lo ha notevolmente potenziato e reso popolare.

Carapace inquietante

Questi crostacei hanno uno schema di solchi e creste sul loro carapace che assomiglia al volto minaccioso della maschera di un guerriero samurai. Questo è il motivo per cui sono spesso chiamati "granchi samurai", e qui sta l'intrigo dell'illustrazione.

Secondo la leggenda, due clan in Giappone in una faida (i Genji o Minamoto e gli Heike) combatterono una grande battaglia navale (Dan-no-ura) nel 1185 che si concluse con una decisiva sconfitta per l'Heike. Secondo la leggenda, i fantasmi dei guerrieri continuano a vivere nella loro tomba acquatica, trasformati in granchi che portano il disegno grottesco del volto di un samurai corazzato.

L'articolo originale di Huxley nella rivista Life descrive come crede che questi granchi siano stati prodotti da una caratteristica così straordinaria:

La somiglianza di Dorippe con un guerriero giapponese arrabbiato è troppo specifica e troppo dettagliata per essere casuale: si tratta di un adattamento specifico che può essere stato determinato solo attraverso la selezione naturale operante nel corso di secoli. Ciò avvenne perché quei granchi con una somiglianza più perfetta con la faccia di un guerriero venivano mangiati meno frequentemente degli altri.3

La didascalia di una foto di granchio di Heike nell'articolo di Huxley recita:

I superstiziosi giapponesi non mangiano il granchio di Heike perché sul suo guscio sembra essere impressa l'immagine di un guerriero medievale.

La sua argomentazione era facile da afferrare. Quando i superstiziosi pescatori giapponesi videro i granchi con qualche somiglianza con la maschera di un samurai, li scaraventavano in mare ma consumavano quelli senza di essa. Ciò andrebbe a vantaggio dei granchi con una "faccia" che si moltiplicherebbero, con il risultato di avere dei granchi con una maschera samurai più chiaramente "progettata" nel tempo.

Come Carl Sagan presentò nella sua serie TV Cosmos:

Come mai il volto di un guerriero viene inciso sul carapace di un granchio giapponese? Come potrebbe essere? La risposta sembra essere che gli umani hanno realizzato questa faccia.
Se sei un granchio e il tuo carapace è normale, gli umani ti mangeranno, ma se assomiglia un po' a un viso, ti butteranno indietro e sarai in grado di avere un sacco di bei piccoli piccoli granchi che sembrano tutti proprio come te.4

La selezione naturale non è l'evoluzione

I creazionisti informati che leggono questo staranno probabilmente sbadigliando a questo punto. Organizzazioni come la CMI hanno dimostrato per anni che la selezione naturale,5 anche se può consentire alle creature di adattarsi entro dei limiti, non causa i tipi di cambiamenti che potrebbero evolvere in nessun senso da particelle a persone.

FATTI:

“ I pescatori non mangiano nessuno di questi granchi … Tutti vengono buttati in mare.”

La selezione naturale è un processo che seleziona da informazioni genetiche già disponibili nel DNA di una creatura; mentre l'evoluzione richiede nuovissime informazioni genetiche per forme, funzioni e caratteristiche non esistenti al momento di nascere ex novo.6

Quindi questo esempio, anche se vero, non sarebbe comunque un grosso problema. Ma rimane ancora influente tra i non informati. È usato per aiutare gli evoluzionisti a considerare il punto da prendere in considerazione che, poiché questo esempio di apparente design può essere causato dalla selezione, la credenza in Dio non è necessaria dopo tutto per spiegare alcun cosiddetto disegno in natura. Il design è un'illusione causata dal tempo, dal caso e dalle circostanze. Huxley ha fatto questo punto passando dall'esempio del granchio a molti altri, affermando:

… ci sono molti altri esempi altrettanto sorprendenti di animali e / o piante che acquisiscono una somiglianza protettiva con altri animali o piante o con oggetti inanimati.7

Naturalmente questa è semplicemente una tattica di dibattito ingannevole. Si passa da un esempio che si sostiene sia stato osservato, quindi a "conoscere" diversi altri esempi dove ciò è accaduto (che non sono stati affatto osservati, piuttosto gli evoluzionisti presumono che siano accaduti in quel modo).

Il mito dell'uomo-granchio

Ma in ogni caso, come l'evoluzionista Joel W. Martin disse nel 1993 di questo esempio di granchio:

Lettura interessante, ma non è vera.8

Martin dovrebbe saperlo. È Curatore Associato di Zoologia Degli Invertebrati presso il Museo di Storia Naturale di Los Angeles, e nelle sue ricerche centrano le storie di vita dei crostacei decapodi e branchiopodi. Mentre il suo articolo rende ancora omaggio all'evoluzione, egli accuratamente ribatte gli elementi principali di questa storia del granchio (che lui chiama un mito). Per incomminciare:

… sembra probabile che la leggenda dell'uomo-granchio preceda addirittura la data della battaglia di Dan-no-ura, e sia stata semplicemente adattata a quegli eventi più tardi …

Ancora più importante, egli sottolinea motivi anatomici validi per queste caratteristiche:

Le scanalature sono indicazioni esterne di creste di supporto, chiamate apodemi, all'interno del carapace del granchio che fungono da siti per l'attacco muscolare. Le aree elevate tra queste scanalature consentono un aumento dello spazio interno, in modo che le varie parti del viscere-gastrico, epatico, cardiaco, branchiale di un granchio, siano riflesse esternamente.

Non sorprendentemente, quindi:

… queste creste e solchi si verificano in quasi tutti i membri della famiglia dei granchi Dorippidae, sia che vivano vicino al Giappone o meno.

Martin sottolinea anche che alcuni di questi granchi di tipo dorippideo sono conosciuti dai fossili, che gli evoluzionisti dovrebbero ammettere predatano la casta dei guerrieri samurai. E poi, quello che lui dice "confuta maggiormente il mito" (grassetto sottolineato aggiunto):

… i pescatori che si guadagnano da vivere dal Mar del Giappone non mangiano alcun di questi granchi. Se assomiglino a un samurai, a un volto umano o semplicemente a un granchio è un indifferente; tutti vengono gettati in mare. Questo perché la Dorippe japonica raggiunge una dimensione massima di soli 31 mm [1.2”] lungo la schiena; per nulla vale la pena di recuperarla dalle reti, per non parlare della selezione per vedere quali assomigliano a una faccia e quali no.

Con una siffatta confutazione completa di tutti gli aspetti del mito, è ovvio a ogni equa valutazione obiettiva che la somiglianza tra la modellatura del granchio e la maschera è in gran parte o del tutto casuale.

Samurai

Che dire delle fiduciose affermazioni di questi famosi evoluzionisti sul fatto che tali caratteristiche distinte "avrebbero potuto venire in esistenza” solo nel modo in cui descrivevano? Sono visti come tali - affermazioni – convinti dalla loro narrazione, ma non supportata minimamente dai fatti. I fatti li hanno, piuttosto, confutato in modo convincente.

Attento a ciò che accetti come verità

È facile vedere come questo esempio di "evoluzione in azione" sia diventato così popolare. È logico, ha una storia interessante allegata e contiene dettagli storici incorporati che gli conferiscono un aspetto di verità. Ma è una fabbricazione (a parte i dettagli storici sulla battaglia dei due clan). Eppure CMI ha esperienze di scettici che lo hanno presentato durante presentazioni pubbliche come una presunta "prova" scientifica dell'evoluzione e una ragione per negare il Dio della Bibbia.

Perché questa storiella evolutiva non è stata svelata prima? Forse è perché Huxley è stato presentato ai suoi lettori come un "eminente biologo" e tutti hanno presupposto che avrebbe controllato le sue fonti e che come scienziato non avrebbe fatto ricorso a raccontare delle “storielle”. (Proprio come il geologo divenuto avvocato, Sir Charles Lyell non è stato interrogato sulle sue discutibili affermazioni, per esempio sull'età delle Cascate del Niagara, perché era un "gentiluomo" britannico.)9

Ancora una volta, un'icona evolutiva è stata consegnata al mucchio della spazzatura, ma continua ad emergere. Sfortunatamente, probabilmente continuerà a farlo per molti anni a venire, spronata da un'ideologia che desidera negare l'esistenza di Dio negandogli la gloria della creazione.

Riferimenti e note:

  1. Granchio Samurai (Heikea japonica). Questo granchio è originario del Giappone, dove è conosciuto come il granchio Samurai o Heikegani, e vive a una profondità di 30 a 100 metri. Torna al testo.
  2. Una ricerca di creation.com rivelerà rapidamente queste e la loro confutazione: falene peppered, "evoluzione del cavallo", organi vestigiali (specialmente l'appendice), DNA spazzatura, somiglianza del DNA scimpanzé umano al 98%, embrioni di Haeckel e altro ancora. Torna al testo.
  3. Huxley, J.S., copione di Evolution, Life, pp. 67-76, 30 Giugno 1952. Torna al testo.
  4. Sagan, C, Cosmos, episodio 2: 'Heike Crabs'; youtube.com. Torna al testo.
  5. Nonostante la "selezione umana", questa non è una selezione artificiale nello stesso senso in cui gli allevatori cercano coscientemente di effettuare cambiamenti, che è in ogni caso del tutto analogo alla selezione naturale. Torna al testo.
  6. Quindi il problema diventa una discussione separata, ovvero se le mutazioni possono fornire le nuove informazioni richieste: vedere creation.com/beetle. Torna al testo.
  7. Huxley, rif. 3, p. 70. Torna al testo.
  8. Martin, J.W., The Samurai Crab, Terra 31 (4): 30-34, 1993; tutte le altre citazioni di Martin riflettono questa fonte. Torna al testo.
  9. Pierce, L., Niagara Falls and the Bible; creation.com/niagara. Torna al testo.

Helpful Resources

The Greatest Hoax on Earth?
by Dr Jonathan Sarfati
From
US $15.00
Evolution's Achilles' Heels
by Nine Ph.D. scientists
From
US $10.00